Biduum Florentinum Latinitatis Vivae

Biduum Florentinum Latinitatis Vivae il sorprendente incontro dei latinisti provenienti da 5 continenti che tra loro  non comunicano in inglese, francese, spagnolo… bensì in latino.

Il latino, la lingua “morta” è così “viva” ed “apprezzata” al Biduum Latinitatis Vivae di Firenze. Per due volte all’anno, ad aprile e settembre, proprio il latino è la sola lingua che si parla, si legge e si ascolta al LILIVM Biduum Florentinum Latinitatis Vivae

I relatori sono internazionali, professori ed appassionati, e le lezioni sono full immersion, o summa immersionem, dal venerdì pomeriggio a domenica sera. Oltre a partecipare alle letture di Erasmo, Alfieri, Cesare, Livio, Virgilio ed altri autori, i partecipanti sono coinvolti in modi diversi anche cantando, recitando, leggendo fumetti e con audiovideo. Tutto avviene come analoghe manifestazioni, ad esempio un TED, con la differenza che tutto è comunicato, scritto ed ascoltato in latino!

Biduum Florentinum Latinitatis Vivae

Quest’anno a causa della partecipazione di mia sorella, ho accettato di accompagnarla e siamo state incluse in un gruppo adeguato al nostro livello:

  • novizio [tirones]
  • principiante [batallarii]
  • intermedio [mediocriter docti]
  • avanzato [provectiores]

Credevo di non resistere più di un ora, invece una insolita atmosfera mi ha subito rapita, non solo per il convitto “spartano” dei Salesiani dove siamo state ospitate a Firenze, ma anche per il latino vivo ascoltato e parlato, come  lingua corrente.

Due giorni dedicati al latino, con un approccio completamente diverso da quello scolastico e dall’attore/professore di latino, John Cleese, nella parte del Centurione romano di Monthy  Python del 1979.

Mi sono completamente stupita di vedere ed ascoltare giapponesi, tedeschi, spagnoli, brasiliani, australiani, messicani, serbi, olandesi, statunitensi, italiani ed altre nazionalità, comunicare tra loro tranquillamentre in latino. E poi, la visita serale a Firenze, dopo cena, alla scoperta dei segreti ed aneddoti sulla storia della città… tutto in lingua latina. Una esperienza da provare, anche presso il sito web  http://www.telluslatina.org/

Salve et bonum Latinum omnibius,

Elisa 😉

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.